Home Cronaca Lercio Nasce l’ISIS moderato: “Attaccheremo solo le città brutte”

Nasce l’ISIS moderato: “Attaccheremo solo le città brutte”

174
0
SHARE

Sgarbistan – Anche all’interno del mondo apparentemente granitico e compatto del sedicente Stato Islamico si stanno finalmente formando le prime divisioni, segno ineluttabile di progresso democratico.
È di poche ora fa, infatti, la notizia che durante una riunione tra il califfo Abu Bakr al-Baghdadi e alcuni vice-califfi, uno di questi, l’esteta e epicureo Abdel Monakés, ha espresso il proprio incontenibile entusiasmo per un recente viaggio sulla Salaria a Roma e alle cascine di Firenze e il rammarico se tali splendide città dovessero essere minacciate.

Il vice-califfo Abdel Monakés

Il vice-califfo Abdel Monakés

Ne è scaturita una discussione molto accesa con i puristi dell’attentato ‘ndo coio coio,  degenerata in colpi di mortaio e decapitazioni di massa e che si è conclusa con la clamorosa decisione di Abdel Monakés di fondare un nuovo movimento all’interno del Daesh: l’ISISM, l’Isis Moderato.
Ci sono già poche cose belle nel mondo”, ha dichiarato Monakés, “una scimitarra che taglia un braccio, un colpo di mortaio contro un ospedale, farsi saltare in aria durante un concerto di Fedez. Sono certo che Allah non vuole che distruggiamo anche i capolavori che i grandi artisti del passato ci hanno lasciato”.

Da qui, la decisione della neonata falange di smettere di prendere di mira Parigi, Londra, Bruxelles, Nizza e altre gemme dell’urbanistica e della cultura mondiale ma di colpire solo città prive di qualsiasi attrattiva e ricche soprattutto di abusi edilizi e di ecomostri.
Il raggiante vice-vice califfo Abu Busettete ha già stilato un primo elenco di orrendi possibili obiettivi: “Li dico in ordine sparso perché non vogliamo fare torto a nessuno: Foggia, Benidorm, Paderno Dugnano, Caracas, Brest, Crotone, Vladivostok, Porto Sant’Elpidio, Detroit”.

Immediata la furibonda reazione delle amministrazioni dei comuni citati nell’elenco. Se a Detroit hanno deciso di migliorare la città colorandola di grigio e a Benidorm regalando degli stupefacenti a chiunque visiti la città, il sindaco leghista di Paderno Dugnano invita l’ISISM a riconsiderare la propria valutazione: “Vengano a scoprire i nostri centri commerciali, le nostre fabbrichette e i nostri capannoni e vediamo se diranno ancora che Paderno è brutta!
Anche il primo cittadino della marchigiana Porto Sant’Elpidio non ci sta: “Ma ‘shti signori lo sanno della fatica immane che s’è fatta per riempi’ la città delle nostre caratterishtiche mignotte? Anni di duro lavoro e attiriamo l’attenzione solo di ‘shto surrogato demmerda? Io e miei cittadini pretendiamo di essere presi di mira da lu vero ISIS!

 Augusto Rasori

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here