Home Scienza Lercio Complottista scopre correlazione tra scie chimiche e scoregge vaginali

Complottista scopre correlazione tra scie chimiche e scoregge vaginali

449
0
SHARE

Non vi è mai capitato di rimanere attoniti e ammutoliti al cospetto di una donna che emette misteriosi rumori dalla vagina? Ecco, quella è la dimostrazione che vi stanno condizionando il cervello!
Parte da questa meticolosa osservazione del raro e arcano flatus vaginalis, la clamorosa scoperta del fuffologo Dario Trenta, secondo cui ci sarebbe uno stretto e intimo legame tra tale inquietante fenomeno e la capacità delle scie chimiche di guidare i nostri pensieri e instradare le nostre azioni.

Trenta, anche fondatore dell’associazione Tutti tocchino Eratostene, che difende il concetto della piattezza della Terra da coloro che la vorrebbero una sfera per di più schiacciata ai poli, e organizzatore dell’annuale traversata a testa in giù del lato inferiore del disco terrestre, è autore di opere fondamentali nel variegato mondo di coloro che sanno che la realtà non è come ci appare ma come noi crediamo che sia, opere come Cosa ci nascondono quando abbiamo una macchina davanti alla nostra e non sorpassiamo perché siamo in curva e dall’altra parte non arriva nessuno ma quando arriva il rettilineo e potremmo finalmente farlo c’è una fila di auto in senso contrario a impedircelo? oppure Ecco cosa spruzzano tutte le notti le lobby del detersivo sull’erba per farci macchiare così i pantaloni! e l’ormai classico Ho trovato i mobili graffiati, la pattumiera rovesciata, le tende strappate e il pesce rosso morto ma in casa siamo solo io e il mio gatto: chi può essere stato?, è da anni un punto di riferimento per gli scettici e i liberi pensatori (nel senso di ancora a piede libero) di tutto il mondo ed è convinto che questa rivelazione potrà aumentare il suo prestigio ancor più di quando ha scoperto che se una persona trascorre due mesi senza lavarsi le sue relazioni con gli altri peggiorano, portandolo così a interrogarsi su quali sostanze stupefacenti vengano mischiate al sapone se, una volta tornati a usarlo, le persone sono suggestionate al punto di rivolgerci di nuovo la parola.

Ovviamente la comunità scientifica non si è fatta attendere e ingegneri, piloti e pornostar hanno subito preso le distanze dagli studi di Trenta. La sessuologa Gina Cheva ha inoltre confermato che è possibilissimo provocare condizioni di flatus vaginalis anche in completa assenza di aerei di linea che passano sulle nostre teste, sebbene aggiunga che trovare comunque uomini in grado di farlo rimane pur sempre un’impresa disperata.
Immediata, invece, la solidarietà dei colleghi dello stimato fuffologo, a partire da Arrioso Fermosì, che aveva anzi già insinuato una possibile influenza sul fenomeno vaginale, legata al passaggio orbitale della stazione spaziale contenente Samantha Cristoforetti a ridosso di formazioni artificiali operate attraverso geoingegneria clandestina mentre si ascoltano i dischi di Pupo al contrario.

Trenta ha intanto lanciato l’idea del Primo sciopero globale contro le scoregge vaginali (First Global Strike Against Vaginal Wind), previsto per il 21 giugno, giorno scelto perché inspiegabilmente è l’unico che segue il 20 e precede il 22 giugno: in quella data la preoccupazione principale di ogni adepto alle sue teorie sarà evitare accuratamente di compiere qualunque gesto che possa anche minimamente rischiare di dare il via al fenomeno fisico femminile in questione, sebbene sia forte il rischio che nessuna delle loro partner si accorga della differenza da ogni altro giorno dell’anno.

Augusto Rasori

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here